venerdì 30 settembre 2016

I POST DEL MESE. Settembre 2016

▼  settembre (30)

SE SERVE INVOCARE SANTA BARBARA CONTRO "LI MALI GENTI". Orazione e Detto popolare recitati da Eduardo Chiarelli

***
Per vedere il video cliccare il seguente link:





Orazioni a Santa Barbara

Santa Barbara can un durmiti
Ca lu populu è viglianti
Nni scanazati di li mali genti
E di mali intenziunati.

Dintra pari porta
Di fora pari rocca
A li nnimici mia
Nun ci dati forza e mancu valìa
Comu li petri di mmezzu la via


Detto

A jurnata nun jiri
Di cu a jurnata a jutu.




Video amatoriale realizzato lo scorso mese di agosto a Racalmuto (Contrada Zaccanello)

giovedì 29 settembre 2016

UNA SCUOLA È TANTE COSE... FATTE AD ARTE. L'Istituto "Maredolce" propone "Mari ruci" per "Palermo in tutte le lingue" - "Ballarò significa Palermo"



http://www.balarm.it/file/palermo-in-tutte-le-lingue_programma-2016.pdf




Un assaggio in arabo, in attesa di sentire, domani, l'Inno nella versione originale siculo-italiana


L’Inno nasce su proposta del dirigente Vito Pecoraro per un desiderio maturato in occasione della prima edizione  “Palermo in tutte le ingue” quando alcuni docenti si sono cimentati come attori, cantanti, compositori.

La musica eseguita coralmente e il testo cantato in italiano e in siciliano nonché tradotto in arabo vogliono rappresentare in senso proprio e figurato l’accoglienza,  il carattere comprensivo dell'Istituto Comprensivo Statale "Maredolce" che abbraccia infanzia, primaria e secondaria di primo grado ma anche  il travalicamento geografico dei confini linguistici, la  proiezione  nel futuro senza ignorare la ricchezza del multiforme passato.

PALERMO IN TUTTE LE LINGUE 2016


Link correlati:
*
*
Palermo in tutte le lingue 2015
*

POETI TRAPANESI IN TRASFERTA: HANNO FATTO NOTIZIA. Gino Adamo, Nino Barone, Mariella La Sala e Marco Scalabrino a Cianciana

Cianciana
24 settembre 2016
«100mila Poeti per il cambiamento» 
 «100 Thousand Poets for Change» (TPC) 



Giornale di Sicilia - Trapani Martedì 27 settembre 2016


Papaveri rossi
di 
Gino Adamo

Ho raccolto dei fiori un mattino,
li ho raccolti in un campo di grano.
Eran rossi, papaveri rossi, delicati,
piegati dal soffio del vento,
seguivan le spighe ingiallite,
splendenti del sole che annunciava
una calda giornata
di primavera inoltrata.
Ho guardato quell’ampia distesa
Dorata, macchiata, come tela
dipinta da mano d’artista,
ho raccolto uno ad uno quei fiori,
ho levato le macchie,
quel rosso infuocato,
ho reso quel campo più giallo,
uniforme, assolato.
Le mie mani tremanti tenevano
come unico insieme gli steli
dei fiori recisi, estirpati, raccolti.
La paura stringeva il mio cuore,
non volevo far male,
non dovevo toccare quei fiori,
non potevo sfiorarli, nemmeno col fiato,
il respiro ho fermato.
Gli occhi chiusi mi portavan lontano
attraverso ricordi passati
di piccole donne appena sfiorate
da labbra in un tenero e timido bacio,
impalpabili fiori, papaveri rossi.
Non stringerli forte, non farli soffrire,
mi dicevo turbato, qual mentre
un soffio di vento improvviso
li ha fatti volare,
lasciandomi solo gli inutili steli.
Com’è delicato quel fiore
rosso papavero, grido d’amore!





Nino Barone


Lu me scogghiu
di 
Nino Barone

Vâ trovu spissuliddu lu me scogghiu
e ci vâ cuntu soccu mi succeri,
ci parru senza affruntu, mi ci sciogghiu
e pacinziusu ascuta 'i me' pinseri.

Ci cuntu di sta vita senza freni
chi n'assicuta sempri, di cuntinu,
di quannu agghiuttu càmuli e vileni
e m'arritiru 'n casa chinu chinu.

Ci cuntu di li tanti discussioni
chi vaiu facennu cu napocu genti,
di quannu viu ngiustizi e l'ossessioni
è chidda d''un putiri fari nenti.

Ci cuntu di la suffirenza umana
scurpita 'n facci di li picciriddi,
di quannu, a voti, 'a firi s'alluntana
lassànnuti li ruppa a li capiddi.

Ci cuntu poi di soccu vogghiu dari
e soccu, nveci, mi piacissi aviri,
si la manera di lu me campari
è giusta oppuru c'è di smantiddiri.

Ed iddu ascuta tuttu bonu e duci
cu na pacenzia chi nun ha' cunfini,
sippuru sta 'n silenziu, la so vuci,
la sentu chi mi trasi nta li vini.

E mentri mi ristoru, a un certu puntu,
mi votu di ddu latu versu 'u mari,
ed iddu mi rijala lu tramuntu
comu risposta a tuttu stu pinari.

Mariella La Sala


La commedia del nulla
di
Mariella La Sala

Come un primo attore
attorniato da comparse,
sale sul palcoscenico
............e recita.

Si esalta, gode
cerca il consenso,
chiama l'applauso.

Ma è una triste commedia,
la commedia del nulla,
di quel vuoto,
quell'assenza
diventata prepotenza.

Sentimenti intrappolati
nella maschera d'attore
fan da scudo alla ragione,
quella voce fuori campo
che non riesce a percepire.

E la bestia
ignara vittima
impersona quel carnefice
del bersaglio a lui più debole
con ludibrio e maldicenza,
.....con violenza.

Protagonista imberbe,
sopraffatto
dal suo stesso personaggio.

Mentre esplode
la platea
con applausi ed ovazioni
per quel bullo istigatore
che scatena ammirazione.

E uno spettator
cosciente,
seduto in fondo
s'alza,
abbassa gli occhi
e se ne va.  

                                                                

Marco Scalabrino


da sx: Eugenio Giannone (promotore), Giuseppe Sanzeri (presentatore),
Santo Alfano (Sindaco), Marilisa Cammarata (Assessore alla Cultura), Pietro Sanzeri (organizzatore)

                                             

L'omaggio ad Alessio Di Giovanni





Nino Barone accanto il busto di Alessio Di Giovani

Marco Scalabrino consegna a Nenè Sciortino
il saggio su Alessio di Giovanni
pubblicato dalle Edizioni Drepanum nel settantesimo della morte





Foto di Gino Adamo, Nino Barone e Marco Scalabrino












mercoledì 28 settembre 2016

SI PROVA. Canzoni con "mari" e "ponti"

Prove delle canzoni
 "Quantu ponti"
 e "Lu mari si l'agliutti" (già eseguita l'anno scorso),
con Nancy, Damiano e Lucio
per lo spettacolo di venerdì 30 settembre "Mari ruci" 
(Palermo in tutte lingue 2016). 

E' emozionante vedere animare con la voce e gli strumenti musicali un testo, uno spartito.

Da dx: Nancy Luppina (voce, percussioni),
Damiano Sabatino (voce, chitarra),
 Lucio Greco (chitarra, percussioni)

Quantu ponti. 
Testo.
Pubblicherò anche la musica in un prossimo post. 

            I
            Quantu ponti e quanti hiumi
 aju passatu
 ca pi forza nun cadivu
 ntre un gaddruni.
Mi sarbaru la spiranza
 e l’illusioni
 di l’aiutu, di l’aiutu
 di l’amici.
 La vucca mi siccà
diciennu  “amici”.
 Nni li burraschi li chiamu
 e un sientu vuci.


            II
Nni lu cori di la  notti
 m’addrivigliu
arridiennu m’addrivigliu
e pienzu a ttia.
E ti viju comu quannu
a quinnici anni
t’annacavi comu varca
n capu l’unni.
Lu mari s’asciucà
lu suonnu vinni
e la luna si nni jì
all’antri banni.


            III
E tu ascunta stu viulinu
ca ti sona
mentri duormi, na canzuna,
di luntanu,
di vicinu nun lu vidi
e nun lu sienti,
iu fuvu un sunaturi
ca si penti.
Ascunta li campani;
lu viulinu
jì a sunari contradanzi
e tarantelli,
chianciennu, ntre un paisi
ddra vicinu.

Link correlato: