martedì 24 aprile 2018

STANNO ABBATTENDO LA PIAZZETTA. Sui social si dibatte con passione, e partecipazione

Le rievocazioni dell'antica Piazzetta mi facevano auspicare il suo ripristino ma l'abbattimento dell'esistente, di qualsiasi esistente, senza sapere l'idea del nuovo, all'interno di una idea nuova e globale dell'idea paese, semplicemente mi inquieta. 

Racalmuto purtroppo non è Castelbuono dove le amministrazioni si avvicendano ma integrano e rafforzano l'identità del paese stesso nella continuità e nell'omogeneità di un progetto ideale comune. Ma non era stato annunciato il ripristino dei basoli? 

Per quello credo ci sarebbe stata maggiore accondiscendenza.

Vecchi post correlati:
*
*

giovedì 27 giugno 2013


A LA PIAZZETTA COMU CI FINISCI?


FONTANA SÌ,  FONTANA NO
*

lunedì 1 ottobre 2012


LA PIAZZETTA E LE NUOVE AGORÀ


*

sabato 29 dicembre 2012


CORSI, RICORSI E MODI DI DIRE


*

giovedì 12 settembre 2013


I CAVOLI IN PIAZZA E I BASOLI DI PALERMO. Racconto e foto

*

martedì 30 settembre 2014


TERRA DI ERETICI E DI SANTI

*

venerdì 7 febbraio 2014

STORICO O ANTICO?


affaccia, beddra, di ssa finistredda...
*

*



IL PANE DELLA PACE CONDIVISO IN SICILIA. Un incredibile itinerario a cavallo da Castronovo a Caltabellotta di settanta novelli cavalieri guidati da Nino Di Chiara


Il gentiluomo si raccostò al nostro Cristoforo, il quale faceva segno di volersi licenziare, e gli disse: – padre, gradisca qualche cosa; mi dia questa prova d'amicizia –. 
E si mise per servirlo prima d'ogni altro; ma egli, ritirandosi, con una certa resistenza cordiale, – queste cose, – disse, – non fanno più per me; ma non sarà mai ch'io rifiuti i suoi doni. Io sto per mettermi in viaggio: si degni di farmi portare un pane, perché io possa dire d'aver goduto la sua carità, d'aver mangiato il suo pane, e avuto un segno del suo perdono –. 

Alessandro Manzoni, I Promessi Sposi, cap. IV




Il pane della pace
di 
Nino Di Chiara


Un grazie particolare all'amico Anthony Cerniglia che a sorpresa ha fatto preparare, al panificio Cusimano di Misilmeri (a cui vanno i nostri ringraziamenti), il pane inquadrato nella foto con la scritta "Via della Pace ".


Il semplice pane, una volta forse unico sostentamento dei contadini, abbinato a questo viaggio lungo la via che portò il nostro protagonista, il grande Federico terzo d'Aragona, da Castronovo a Caltabellotta per firmare la Pace con i suoi cugini Angioini di Napoli e che mise fine, anche se temporaneamente, alla guerra del Vespro ( 31 agosto del 1302 ).


Un pane, - oggetto di contesa tra le grandi multinazionali, convinte che sia più buono se fatto con il grano canadese, e i produttori di grano del Sud Italia, costretti a vendere un grano antico a basso costo, - fa da padrino ad un viaggio lungo 716 anni attraversando il cuore dei Monti Sicani, toccando Filaga, Palazzo Adriano, Chiusa Sclafani, Bisacquino, Giuliana, San Carlo.

Un viaggio semplice a dorso di cavallo o di mulo, semplice come il nostro pane, come tutti i nostri prodotti agricoli massacrati da una politica cieca e inetta; come il nostro meraviglioso territorio che aspetta di essere ripopolato; l'ho scritto diverse volte nei miei post: abbiamo bisogno di recuperare le nostre radici ed il nostro passato... e subito, con la speranza che già non sia e non sarà troppo tardi.

Un viaggio che i circa 70 cavalieri partecipanti non hanno potuto completare perché il maltempo ci ha bloccato quasi alla fine: a San Carlo il gruppo si è sciolto, ma lo completeremo in seguito.


E se con questa pioggia pesante il nostro protagonista, sempre il buon Federico III, ci volesse far sapere che la pace sia stata firmata proprio a San Carlo?


venerdì 20 aprile 2018