venerdì 23 giugno 2017

UNA SICILIA DENTRO L'ALTRA. Trekking virtuale e trekking a cavallo con Nino Di Chiara & C.

Tutti a cavallo!


A Castelbuono c'è un tratto della Piazza principale detta "Chiazza d'annintra", "Piazza interna o internata":  non è semplicemente "d'intra", dentro, ma è "annintra" ovvero la parte più interna, arretrata, posta sul retro insomma, quella più imbudellata, nascosta e raccolta: quasi una Piazza nella Piazza sia nella denominazione sia nella collocazione. Qualcuno la preferisce e vi si attarda, qualche altro semplicemente l'attraversa. E c'è chi la snobba o la ignora!

Verrebbe da pensare a una "Sicilia d'annintra", scorrendo comodamente seduti le foto di  alcuni tratti interni o internati della Sicilia, esplorati avventurosamente a cavallo da un gruppo di laici missionari della natura, tra cui Nino Di Chiara, che, a dorso della sua cavalla bianca, si riserva  il ruolo di fotoreporter equestre e chiosatore: sue le foto e le didascalie.
                                                                                              P. C.





Foto e didascalie di Nino Di Chiara







Pellegrinaggio a cavallo da Cerda a Gibilmanna: Gratteri


Pellegrinaggio a cavallo da Cerda a Gibilmanna: verso il Santuario, la mia curiosità mi porta a scoprire questo gioiello in contrada Tabarani, l'omonimo agriturismo, gestito da un signore d'altri tempi, gentile, garbato, a modo, e molto fiero di essere siciliano, nonché castelbuonese, il professore Cangelosi, il quale con grande disponibilità apre le porte di questa antica masseria trasformata, dal suo attaccamento a questo luogo, in una struttura ricettiva molto singolare, si respira ancora l'odore dell'olio che veniva macinato con un frantoio a traino animale, si respira ancora l'odore del bestiame che veniva allevato allo stato brado, in pascoli di montagna quasi sempre verdi; la masseria occupava una posizione strategica molto importante, collocata in alto, quasi messa a sentinella della regia trazzera che dalle Madonie portava verso la Sicilia orientale e verso Palermo; proviamo ad immaginare eserciti in movimento che accompagnavano imperatori e re, reduci da guerre e battaglie per il possesso di territori sempre più estesi. 
Una località sicuramente dove soggiornare, troverete una Sicilia vera ed autentica, quella da me chiamata, a dimensione d'uomo.



Trekking a cavallo sui monti di Burgio e Palazzo Adriano: dicevo non solo natura, una doverosa visita la meritava questo manufatto di assoluta bellezza, abbandonato e triste nella campagna burgitana, il Santuario di Santa Maria del Rifesi, eretto in periodo normanno dal re Guglielmo il Malo, che leggenda vuole, trovandosi a caccia in questi boschi, sfuggisse ad un attacco da parte di un cinghiale per un'intervento divino; infatti il re normanno, a ricordo dello scampato pericolo, fece costruire questo gioiello.



Pellegrinaggio a cavallo da Cerda a Gibilmanna: Gratteri, sembra sospesa



Pellegrinaggio a cavallo da Cerda a Gibilmanna: corso principale di Gratteri, tavoli davanti ai bar strapieni di clienti intenti a giocare a carte; si respira aria di pace e tranquillità , si ha la sensazione di trovarsi in un paesino di frontiera


Il ponte vecchio ripulito dalle sterpaglie



Trekking a cavallo sui monti di Burgio e Palazzo Adriano: case di S. Adriano, 
un caseggiato rurale con un baglio da cartolina.



Anche  lo scorso fine settimana tra i boschi dellla nostra Sicilia, il trekking organizzato da Andrea Di Giovanni (a centro nella foto), ci ha fatto scoprire gli angoli più nascosti e più belli dei monti di Burgio e Palazzo Adriano, una presenza notevole di cavalieri appassionati di natura e cavalli; un grande plauso all'amico Andrea che sta proiettando , attraverso la sua passione e le sue passeggiate, il nostro territorio e le sue bellezze oltre i confini siciliani.






Trekking a cavallo sui monti di Burgio e Palazzo Adriano: cavalli e natura






Trekking a cavallo sui monti di Burgio e Palazzo Adriano: cavalli, natura ed Andrea


Trekking a cavallo sui monti di Burgio e Palazzo Adriano: 
Leo, un ragazzo fantastico, grande appassionato di cavalli e natura, prosit.