mercoledì 22 marzo 2017

martedì 21 marzo 2017

GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA ANCHE ALLA BIBLIOTECA DECENTRATA BRANCACCIO DI PALERMO

Dopo la sapidissima ricognizione storica di Salvatore Pedone sulla produzione poetica in Sicilia, succedutasi nei vari secoli con diversità di intenti e forme, sulla scorta di pubblicazioni e manoscritti conservati nella Biblioteca comunale di Palermo,  recitazione di poesie in italiano, latino, spagnolo, dialetto siciliano... e canti.







 






















Grazie ad Antonio Contorno, 
che non è stato anche lui alla chitarra per contrattempi vari, 
per l'affettuosa documentazione fotografica.




lunedì 20 marzo 2017

UN CAVALIERE A BRANCACCIO RESTAURA ORDINE E BELLEZZA! E POESIA? Domani in Biblioteca per la Giornata Mondiale della Poesia


CONTRIBUTI

PER LA GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA


La Biblioteca Decentrata di Brancaccio e l'Associazione "Castello Maredolce" 

invitano

 all'evento "Guardando il Mediterraneo"

21 Marzo 2017 - ore 16,00.

Sala di lettura Biblioteca Brancaccio



Con la partecipazione di una delegazione poetico-artistica
dell'Istituto Comprensivo Statale "Maredolce" di Palermo




La vuci di un omu sulu nsangulià lu vientu.

In The Poet Sings For  All / Lu pueta canta pi tutti
Legas, Mineola (New York) 2014
Introduzione e traduzione in inglese di Gaetano Cipolla 


Ammazza. O è ammazzatu

“La última voz de un hombre ensangrentó el viento”.
 Rafael Alberti, El muro.
“La solitaria voce di un uomo insanguinò il vento”.



Pueta,
terri terri,
sbinnuliasti
banneri di palori
p’addrizzari
lu munnu avariatu.
Palori...
Un poeta chi pò fari?

“Tutti li petri di lu ma paisi
li puortu mpiccicati nni li piedi.”
Canzuni ti mintisti a vannïari.

Fusti a Valencia, America Latina,
Cuba, New York, ancora cchjù luntanu.

“Vientu, essiri nievula, Signuri,
sunnambulu. Trasivu ntre un jardinu
di notti a l’ammucciuni e nuddru c’era.”

Tiatru, conferenzi, ricitari.
Supirchiarii? No. Dimocrazia.

Cu pueta nun è ed è surdatu
cancia lu munnu. Ammazza.

O è ammazzatu.



Mata o va a ser matado 
  
Poeta
 De tierra en tierra
Flameaste
pendones de palabras
Para arreglar
El mundo estropeado.
Palabras...
Un poeta qué puede hacer?

Todas las piedras del pueblo
Las traigo en los pies clavadas . *
Canción te pusiste a chillar.

Te fuiste a Valencia,a América latina,
Cuba, A Nueva York,y otra vez más lejos.

Viento… ser nube, Señor **
Sonámbulo  entré yo anoche
 en tu jardín. Nadie había ***

Teatro, conferencias, funciones.
Desprecios? No, democracia.

Quien no es poeta y es soldado
Convierte el mundo. Mata
 o va a ser matado.

Traduzione in spagnolo: Valeria Damiano

    

      Riferimenti alle poesie di Rafael Alberti:
      *“La Encerrada” n. 6
** “Balada de la sinceridad al toque de las ánimas”
*** “La Encerrada” n. 9
      





Gustavo Adolfo Bécquer
 
RIMA XXXVIII

Los suspiros son aire y 
van al aire. Las lágrimas son agua y van al mar. 
Dime, mujer, cuando el amor se olvida, 
¿sabes tú adónde va?


Libera traduzione 

Li suspira su neglia e vannu all'ariu.
Li lacrimi su acqua e vannu a mari? 
Quannu l'amuri mori, dimmi,
dimmi, unn’è ca si nni va?


Traduzione  in siciliano: P. C.



Associazione Culturale  "Castello di Maredolce"



Messaggio del murales:

RITORNA A BRANCACCIO UN CAVALIERE ANTICO
E RESTAURA ORDINE E BELLEZZA.
(NON LASCIAMOLO SOLO...)