sabato 27 agosto 2016

“LA SICILIA” DI IERI: OCCHI APERTI SUL MISTERO DELLA BIBLIOTECA CHIUSA DI RACALMUTO. Nota facebucchiana


Racalmuto - BIBLIOTECA CHIUSA DA MESI PER RIORDINO... "INFINITO"
L'ordinanza è risalente allo scorso mese di febbraio
di Alan David Scifo




La mia Nota di ieri su facebook:

Con grande sensibilità “La Sicilia” di oggi, con un documentato articolo di Alan David Scifo, rileva il disservizio relativo alla biblioteca di Racalmuto. Sicuramente da leggere.

Qualcuno - amministratore di maggioranza o di opposizione; uomo di cultura o semplice topo di biblioteca; giornalista (e ne abbiamo tanti!) o semplice cittadino - potrebbe ritenere la risposta del Sindaco soddisfacente. 
O potrebbe ritenere la questione irrilevante fino a ignorarla o ometterla.

Racalmuto credo susciti altre aspettative: noblesse oblige.


Personalmente, alla luce dei rilievi evidenziati, la suddetta risposta ci sembra aleatoria. 

Chissà cosa avrebbe da dire l’assessore al ramo?





Nonostante Tuttoweb ha ripreso la notizia 
con un commento molto incisivo:




Certe volte si ha l'impressione di sparare alla Croce Rossa parlando dei disservizi del Comune di Racalmuto, ma tant'è.
Infatti, nella città degli eventi sciasciani, crocevia della novella "strada degli scrittori", rinomato "paese della Ragione" , sede di un Museo di Arte contemporanea, scrivere è semplice, ma leggere risulta maledettamente complicato, come pure avere risposte per la verità.

La biblioteca, fonte pubblica di sapere per i cittadini è chiusa per riordino.

Questo non avrebbe nulla di strano se non fosse che questo riordino è iniziato a febbraio e non è ancora terminato.
Sarà perché la sede che i solerti tecnici avevano indicato dopo il suo trasferimento non è stata più utilizzata?
Sarà che non ci sono altri luoghi adatti alla fruizione?
Anche questo risulta strano.

C'è voluto l'impegno di un cittadino di Racalmuto, noto intellettuale, Piero Carbone che già da tempo ha sollevato il problema, attraverso le pagine del suo blog "archivio e pensamenti" per mettere in luce questa nuova pecca nella gioiosa macchina amministrativa locale.

Il signor Sindaco segnala che la biblioteca della Fondazione supplisce all'assenza (speriamo, ma non crediamo, ormai brevissima) della biblioteca comunale ma le chiediamo, tanto non risponde, ma allora i testi della biblioteca comunale sono temporaneamente fruibili presso la sede della Biblioteca della Fondazione? 

Allora signor Sindaco che dice la mettiamo questa bella pezza a questo altro problema che le sottoponiamo?


https://www.facebook.com/nonostantetuttoRacalmuto/?pnref=story

La Sicilia-Agrigento, venerdì 28 agosto 2016 (in realtà il giornalista è Alan David Scifo)

Nota di ieri su fb:
Una doppia perplessità vorrei aggiungere alla Nota: la prima è che la Festa alla Compatrona  del paese Maria SS. del Monte a luglio sarebbe stata una delle concause del ritardo nel riordino del materiale librario della biblioteca; la seconda attiene le modalità del riordino stesso, ricorrendo ai sacchi neri di plastica e agli scatoloni entro cui i libri sono stati rinchiusi. 
Tuttavia, si deve sperare bene visto che non tutte le metodologie mostrano immediatamente la loro bontà ed efficacia. 




**Link correlati:

EQUIVOCO ALLA BIBLIOTECA COMUNALE DI RACALMUTO. Tutto per colpa di una porta "a vaniddruzza". E la donazione?

**DI UNA BIBLIOTECA CHIUSA, A RACALMUTO. Sviluppi dopo il precedente post del 9 agosto 2016

**lunedì 15 febbraio 2016

Racalmuto: momentanea chiusura della biblioteca comunale. Servizi garantiti nella biblioteca della Fondazione Sciascia



giovedì 25 agosto 2016

SI CHIAMA RAYANA: GENERATO DA UN NOME. Vincent Navarra presenta l'omonimo film a SciaccaFilmFest, domenica 28 agosto



Fame di film

Dall'ideazione alla ricerca delle location e degli attori, dalle fasi di registrazione al lungo periodo di montaggio, ho sempre saputo dai genitori Ignazio e Feny del film che Vincent stava realizzando.
So indirettamente da amici a cui si è rivolto dell'attenzione prestata ai luoghi, agli oggetti, nella ricostruzione quasi filologica degli ambienti.

Per scendere in qualche particolare aspetto, mi incuriosisce vedere, ascoltandolo, come il suo divertissement Sempri a na seggia, musicato da Acccursio Cortese,  rimarcherà l'aura che il film vorrà ricreare.

Conoscevo Vincent sotto molteplici aspetti, pittore autore attore, meno nella veste di regista.
Dare l'annuncio della imminente presentazione di "Rayana" al FilmFest di Sciacca, scioglie l'attesa, non certo le aspettative.

L'augurio è che, a proiezione avvenuta, siano pienamente soddisfatte e che il film riscuota successo di pubblico e di critica. (P. C.)


Ciao Piero, puoi prendere tutto il materiale che vuoi dalle pagine fb RAYANA e Makara film. Ti invio copia del pressbook. 
Grazie di tutto e spero tu possa essere presente il 28.
Vincent Navarra




Sciacca 
Badia Grande - Sala degli archi
28 agosto 2016 - oer 20.00

























Sempri a na seggia - divertissement di Vincent Navarra
musiche composte da Accursio Antonio Cortese
Produzione Màkara Film Production -


















PREPARATIVI, ANTICIPAZIONI, RUMOURS















Link correlati:
*
*
https://www.youtube.com/watch?v=AAZURUM8TUk


*
https://www.youtube.com/watch?v=0PxS9ShVZss

*


mercoledì 24 agosto 2016

TESTIMONE MI È IL PINO. Schermaglie alludenti a terzi (e a quarti) con Giovanni Salvo

schermaglie convergenti

Sinceramente non pensavo che il pino venisse promosso al rango di testimone, ma visto che Giovanni Salvo l'ha fatto su fb nel bel mezzo di una conversazione sui vincenti e i perdenti evocati da  Pier Paolo Pasolini, citato da un amico comune, come dargli torto? 

Non posso non pubblicare questa foto di alcuni giorni prima, con un ispirato Giovanni, durante un amabile e conviviale incontro tra amici che si vedevano per la prima volta o si incontravano dopo anni, e che varrà la pena, credo, rievocare in un post a parte.



screen capture:   



Giovanni Salvo Vedi...Senza saperlo...te lo avevo proposto prima io, questo concetto onorevole senso della sconfitta pasoliniana...proprio sotto il tuo pino.
Piero Carbone da Racalmuto citare non significa praticare in esclusiva ciò che si cita, ammesso che lo si pratichi. Non basta citare, caro Giovanni, altrimenti saremmo tutti eroi e tutti santi e tutti coerenti. Chissà cosa ne pensa il pino!